Riconoscere l’autismo

OggiScienza

5299266366_0b6c8ae172_oSALUTE – Mentre le diagnosi di disturbi dello spettro autistico aumentano, un nuovo studio sulla rivista Pediatrics spiega come sia necessaria una collaborazione tra il pediatra e i genitori per accorgersi dei rischi il più presto possibile. E intervenire quando ancora si può fare la differenza.

Le osservazioni mediche vengono tipicamente condotte quando i bambini hanno tra i 15 e i 33 mesi di vita, ma, come precisano gli autori della ricerca, nel 39% di quelli autistici i sintomi non vengono riconosciuti. In un breve controllo di dieci, venti minuti difficilmente un bambino autistico mostrerà i comportamenti tipici della condizione che, anzi, tendono a diventare evidenti non prima di aver iniziato la scuola.

“Uno dei problemi più grandi nell’identificare l’autismo quando sono piccoli è proprio il fatto che non lo si nota finché non entrano nell’ambiente scolastico”, spiega Terisa Gabrielsen, leader della ricerca. “Questo significa che non si approfitta di…

View original post 378 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: