Porte Aperte 2014

22/03/2014

locandina finita


Ogni goccia è benvenuta

01/02/2014

DSC01080

Ringraziamo i supermercati Alì per il gentile contributo al nostro progetto L’orto di San Francesco assegnato all’interno dell’iniziativa We Love People.


5 per mille

26/05/2013

5327_562884213741854_266118306_n


Ambiente ecologico

02/05/2013

IMG_0718

Ludovico ai fornelli. L’abilitazione delle persone con autismo, rispettosa delle caratteristiche di ciascuno e delle sue potenzialità, deve avvenire in ambiente ecologico, cioè tale da riflettere la strutturazione della vita quotidiana. È quel che si cerca di fare all’Orto di San Francesco.


Porte aperte all’Orto

20/03/2013

IMG_0001

Venite!


Il modello nascosto

27/11/2012
Nel loro libro Lavorare con le famiglie dei bambini con autismo Cesarina Xaiz ed Enrico Micheli si chiedono come mai sia ancora così poco avvertita nel sistema sociosanitario italiano «la necessità della formazione dei genitori come parte dell’intervento efficace». Quasi tutte le famiglie sperimentano prima o poi, in modi differenti e più o meno fortemente, la difficoltà di ottenere un vero ascolto, informazioni e sostegno adeguati. Secondo Xaiz e Micheli questo fatto dipende anche da un “modello nascosto” che continua a operare nei molti professionisti che, pur seguendo esteriormente le tendenze derivanti dalle linee scientifiche affermatesi negli ultimi decenni, non hanno fatti veramente propri fino in fondo i nuovi modelli, e mantengono in sé quello vecchio. Un modello che deriva dalla concezione psicoanalitica dell’autismo come originato dall’oggettificazione-rifiuto del bambino da parte della madre. E perciò più che vedere la disabilità del bambino quei professionisti si sforzano di esaminare i genitori, per cogliere quello che non va nel loro atteggiamento verso il figlio, le loro inadeguatezze, le loro tensioni. Naturalmente, questo non significa che le relazioni nella famiglia (e non solo) non siano importanti, ma significa che non bisogna rovesciare la questione: non sono le problematiche relazionali a causare l’autismo, è l’autismo che innesca dinamiche relazionali che possono anche risultare devastanti.
(Nella foto Cesarina Xaiz – giacca rossa – e Ljanka Dal Col – giacca nera – nella cucina dell’Orto di San Francesco nel 2009)

Due cose sull’autismo

13/10/2012